Skip to content

The Museum of Everything

19 luglio 2010

A Torino, dopo il successo ottenuto a Londra, sbarca una mostra che non è la solita mostra.

Parte da Chalk Farm, un palazzo non occupato, grande e con molte stanze su diversi livelli e butta le ancore per approdare alla Pinacoteca Giovanni e Marella Agnelli al Lingotto, un contesto decisamente diverso ma non ci lamentiamo. Perciò urliamo “Terra!” e alzando le braccia al cielo ringraziando che questo progetto sia arrivato fino a qui.

The Museum of Everything è il primo e più grande museo d’arte viaggiante creato da chi vive fuori dalla società.

Più esattamente è una collezione privata composta da oltre 200 opere di qualsiasi genere e tipo (dipinti, disegni, sculture, incisioni, oggetti, installazioni e libri) realizzate nel XX secolo da artisti outsider, gente che vede la realtà da un punto di vista “altro” come medium, artisti ossessivi e visionari, religiosi, artisti con disabilità fisiche e psichiche. Ad affiancare la mostra poi ci sono oltre cinquanta personalità illustri del mondo dell’arte, della musica e dello spettacolo che presentano le opere nelle didascalie farcendole di un commento autorevole (da Nick Cave a David Byrne, da Maurizio Cattelan a Ed Ruscha).

Anche il sito http://www.musevery.it/ è davvero originale, anche se un po’ confuso. Mi ha fatto morire di risate il fatto che chiamassero il mouse (del pc) ratto. Beh, insomma, son creativi…

Fino al 29 Agosto.

No comments yet

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: