Vai al contenuto

Away & Closer

25 luglio 2012

Non sono scomparsa.

Non ho abbandonato.

Sono scelte, o meglio, esigenze.

Se volete scoprire dove è andato ad affaccendarsi “a bit of LOVE”, venite a vedere cosa succede qui.

Se in questo spazio avete trovato qualcosa che vi ha ispirato e piaciuto, non resterete delusi.

|||Scarlattina|||

20 marzo 2012

Arriva la primavera e sboccio anch’io.

Sì, ma con la Scarlattina.

Esantema, parola che deriva dal greco, εξανθέω, e significa sbocciare.

Diciamo che però non mi sento proprio un fiore…

|||Monday Light Breakfast|||

19 marzo 2012

In un piatto, leggera allegria.

Solletico un lunedì che già dalla sveglia pare difficile.

|||//Mare:::Montagne:::Monterrosso\\|||

19 marzo 2012

La dimensione del mare rischiara le idee e riporta purezza.

La salsedine profuma la pelle e i capelli, trascinando con sè un ricordo blu fino a casa.

La vita rurale dei paesi di montagna scoperti dopo un paio di tornanti in salita fuggendo dal mare, riscopre la ricchezza di luoghi dimenticati.

Ora resta solo il battito forte del cuore.

Waves

17 marzo 2012

\\\Eating Traditional///

17 marzo 2012

Antiga Ustaia Zita

Lavaggiorosso – Levanto

///\\\Marchè de Lille///\\\

13 marzo 2012

Dove odori e culture s’intrecciano e sfumano.

Wind|||Lights|||Thoughts

13 marzo 2012

Vento forte scopre il velo che nasconde l’invisibile. Piccole luci lontante illuminano fievoli pensieri sepolti. Lacrima di consapevolezza scorre irrefrenabile e l’orizzonte come uno schermo proietta il film di un futuro. Tremo, è il vento o forse solo il pensiero di una sconfitta che fa male come non mai.

La Dame avec moustaches

12 marzo 2012

*Maison de fraise*

12 marzo 2012

||//Des maisons francaise\\||

12 marzo 2012

Adattamento della vista ad un carillon di colori pastello.

LILLE - Marzo 2012

Bonjour avec une petite dejeuner francaise

12 marzo 2012

Rubaix

11 marzo 2012

///J’aime le lait d’ici///

11 marzo 2012

|||\\\Beloved stagy///|||

8 marzo 2012

Amici dalla prateria. Diretti proprio 

8 marzo 2012

La mise en place #loversevents dinner

6 marzo 2012

Hopes||\/||Despair

5 marzo 2012

Variazione calibrata dell’umore.

Relazione meteo-umore.

Condizione speranza-disperazione.

Retta di un grafico, che regola l’inclinazione di un’espressione.

Tanto più a picco, quanto più amara.

Ben tornato lunedì.

\\\Central Station///

3 marzo 2012

|||\\\Garden Indoor///|||

3 marzo 2012

Cibo cingalese in da tana

2 marzo 2012

|||Agenda|||

2 marzo 2012

Make revolution!

2 marzo 2012

Gatto|||\\\///\\\|||Meow

28 febbraio 2012

Fuggo da ansie claustrofobiche come un gatto scappa dalla pioggia.

http://www.sexypeople-blog.com/

10 febbraio 2012

Cute ‘n’ Fresh//\\Bobby Doherty

6 febbraio 2012
tags:

Sguardo inebriato dalla quotidianità.

Oggetti e situazioni acquistano nuova dimensione in accostamenti allucinati.

Dimostrazione di quanto l’inanimato sia espressivo.

L’effimero, duraturo.

Bobby Doherty, concretizza in fotografia, il tanto decantato concetto “Less is More”.

E lo fa con lode.

Pictures by Bobby Doherty. Check out his website fore more photos.

Sexy|||Not so Sexy|||Sweaters

3 febbraio 2012

Il web è qualcosa di meraviglioso.
Si sa, questa affermazione ha tanti sostenitori quanti oppositori.
Questione di punti di vista.
Piaccia o non piaccia, è però chiaro che non riusciamo più a farne a meno.
Immagini, chiedi, trovi.
Paradiso del feticcio.
Vagando qua e là tra le infinite eteree vie si trova anche una sorta di museo di felpe thumblrate http://sexy-sweaters.com/.
Da passarci ore, tra un wow, geniale, cagata, la voglio.


Le vorreste tuttetuttetutte? Niente da fare, sono in produzione.

Come mostrare zucchero filato ad un bimbo pre poi dirgli che non lo può mangiare.
Sadici.
Per non andare fuori tema, anche l’accompagnamento musicale è rigorosamente hipster, o meglio hypster.com

William Egglestone|||American History

2 febbraio 2012

Disordinato, disorientato e disadattato.

Ok, è descrizione del genio.

Ancora meglio se la sua bio svela una vita vissuta tra Memphis, Tennessee e Sumner nel Mississippi.

Americano, vero.

Colleziona disastri e fallimenti, prima di arrivare nel 1958, a fare la prima cosa giusta, acquistare una Leica.

Il resto lo descrivono le sue foto.

E il fatto che sia stato il primo fotografo a colori ad esporre al MoMA.

Testimonianza secca e cruda di un’America senza veli nè filtri.

Qui il suo sito

|||Random Essence|||

30 gennaio 2012

Smodata passione per le forme tonde.

Il cerchio.

Il circo.

Un circolo.

Appare completo ma è solo apparenza, è, invece, un continuo.

Senza inizio senza fine.

All’interno esiste una dimensione, fuori, vaghezza e istinto si muovono come vento.

E’ come le domeniche con nulla da fare.

Una macchia che non va via.

La cultura americana.

Come il nonsense.

Life Circles||\/||Bad Luck

26 gennaio 2012

Torna sempre, senza preavviso.

E’ periodo NO.

Quello che ti fa sbattere, ammaccare, sbagliare.

Movimenti di routine finiscono in catastrofici danni.

File in Excell irrecuperabili, inciampare sul percorso che conosci a memoria.

Non so quando arriva, nè quanto durerà, una certezza c’è, simbolo di sventura è il mio occhio nero.

Un anno fa’, e di nuovo ora.

Ho capito che non c’è lotta che tenga se non uno sforzo in pazienza, sorretto da tanti profondi respiri.

Mi ripeto: “Tranquilla, prima o poi finirà”.

Grandmother|||Sobriety

19 gennaio 2012

|||Christmas Imaginarium|||The Candy Cane

19 dicembre 2011

Nel 1670, a Colonia, in Germania, il maestro di cappella della Cattedrale, volendo porre rimedio al rumore creato dai bambini in chiesa durante il tradizionale Presepe Vivente della vigilia di Natale, chiese a un produttore locale caramelle di portare alcuni dolci per loro. Per giustificare questo escamotage, chiese al dolciaio di dare alle caramelle la forma di bastonio, affinchè ricordasse ai bambini i pastori che fecero visita a Gesù bambino.

Dalla Germania, i bastoncini di zucchero si diffuso in altre parti d’Europa, diventando parte integrante degli allestimenti natalizi.

TIMELINE

1844: a quest’anno risale la prima ricetta del candy cane alla menta. Bianco e con strisce colorate.

1866: Il bastoncino di zucchero è stato menzionato in letteratura

1882: furono appesi sugli alberi di Natale.

1920: i Fratelli Bunte nella loro pasticceria di Chicago hanno depositato i brevetti sulle prime macchine per la produzione di zucchero filato.

RECIPE:

/cosa serve: zucchero e colorante/

  1. Ridurci lo zucchero a un morbido impasto sciogliendolo e mescolandolo con dell’acqua, poi colora una buona parte di esso con del colorante rosso in polvere.
  2. Unisci lo zucchero bianco a quello rosso attorcigliandoli.
  3. Quindi, allunga il bastoncino e assottiglialo lavorandolo con le mani. Ora la lavorazione è terminata, puoi tagliare i tuoi bastoncini di zucchero a pezzi.
  4. Lascia che induriscano et voilà!

 

 

Dualismi|||Duellanti

3 dicembre 2011

Inizio.

E’ stato come prima del salto da un alto scivolo, trattenere il respiro, per poi esplodere in un urlo di adrenalina.

Il dubbio, la gioia.

Una discesa rapidissima, dalla luce all’ombra.

Approdo incerto in una stanza buia e umida.

Osservo la miccia di una bomba lentamente consumarsi, nell’istante in cui, troppo corta anche le speranze di salvezza ti abbandonano.

Sogno sia solo un incubo.

|||Latitude Lonelyness|||

29 novembre 2011

|||The Hidden Court|||

28 novembre 2011

|||Lovin Google Today|||

23 novembre 2011

 

Stanisław Lem, è uno degli scrittori di fantascienza europei più letti al mondo.

Uno dei suoi romanzi più celebri è Solaris, da cui nel 1972, il regista sovietico Andrej Tarkovskij girò l’omonimo film.

|||Undiscovered|||

21 novembre 2011

Il passaggio attraverso paesi desolati.

L’odore della legna bruciata che si diffonde dalle bocche dei camini.

Il legno infuoca, e uno sguardo mi gela.

Il ritornoimmerso nel silenzio della nebbia.

Rivivo, come la vista di un quadro, il panorama di quei monti rossastri.

  E ritrovo il calore, anche dalla nebbia profonda.

|||Around|||

11 novembre 2011

|||288,000 Jelly Beans|||

9 novembre 2011

|||Brrrrrhhhhh|||

9 novembre 2011

|||Lychee Candor|||

7 novembre 2011

|||Dante’s Play|||

2 novembre 2011



|||Give me Some Shit|||

31 ottobre 2011

|||Sweety Halloween|||TheCookieProject|||

30 ottobre 2011

Quest’anno, per qualche motivo a me sconosciuto, ho preso particolarmente a cuore il tema di Halloween, e quindi dopo il countdown scandito a colpi di film, propongo un rush finale tuttodolci.

C’è una persona che conosco, imbattibile in fatto di dolci, e che da’ il meglio di se coi biscotti customizzati, non per nulla il suo blog si chiama “thecookieproject“.

Bene, è proprio da lei che consiglio di ispirarvi nella creazione di fantasiosi dolci, per una terribile notte dei Morti Viventi.

Qui il testo tratto dal suo blog, basterà cliccare sui nomi dei dolci per essere catapultati alle pagine delle ricette.

  • Vampire Cupcakes: basta una caramella a forma di dentiera, il vostro cupcake preferito e il gioco è fatto!
  • Mummie biscotto: se preferite qualcosa da sgranocchiare e di grande effetto, queste mummie sono l’ideale
  • Zomby eyes: bonbon di ricotta e biscotti coperti di cioccolato bianco per far impazzire i bambini (al posto del confetto di cioccolato potete usare dell’amarena, come suggerito da Pilly)
  • Fantasmini: che Halloween sarebbe senza?
  • Ossa di meringa: da utilizzare per decorare le vostre creazioni o da usare come segnaposto a tavola.
  • Creepy brownies: spaventoso dolce al cioccolato a forma di bara

Fuori concorso: i Voodoo Cookies.

|||Halloween Countdonw||| Pt.5

29 ottobre 2011

HALLOWEEN (1978)

Carpenter Crea Mike “THE SHAPE” Myers e il classico dolcetto o scherzetto non sarà più lo stesso.

Tensione senza una goccia di sangue.

Colonna sonora da antologia (composta dallo stesso Carpenter)

Da vedere con: IL FIDANZATO/A.

 *

…E TU VIVRAI NEL TERRORE. L’ALDILA’ (1981)

AKA The Beyond.

Lucio Fulci e la poesia nell’horror. L’occhio come metafora dell’andare oltre.

Parte di una trilogia definita della morte insieme a Paura nella città dei morti viventi e Quella villa accanto al cimitero.

Se non avete mai sentito parlare di lui basta guardare Kill Bill.

Da vedere con: CULTORE/CULTRICE DEL GENERE.

|||Halloween Countdonw||| Pt.4

28 ottobre 2011

THE SHINING (1980)

Leggenda vuole che Nicholson non avesse ricevuto l’intero script prima dell’inizio delle riprese ma che Kubrick gli centellinasse solo le sue parti giorno per giorno.

In modo da farlo uscire fuori di testa.

All work and no play makes Jack a dull boy”.

Da vedere con: MARITO/MOGLIE.

*

ARMY OF DARKNESS

L’ARMATA DELLE TENEBRE (1993)

Terzo capitolo della saga Evil dead (La Casa).

C’è tutto Raimi, dal suo attore feticcio Bruce Campbell, alla sua capacità di miscelare scene di horror splatter a sequenze esilaranti da slapstick comedy.

E poi alzi la mano chi non ha mai sentito parlare del Necronomicon.

Da vedere: SOLI, IN GRUPPO, MALE ACCOMPAGNATI BASTA VEDERLO.

|||Halloween Countdonw||| Pt.3

27 ottobre 2011

PSICHO (1960)

Do you like Hitchkock?

Norman Bates novello edipo e colpo di scena finale da brivido. E prima “scream Queen” in assoluto della storia del cinema (ricordate la scena della doccia?)

Secondo l’AFI (American Film Institute) Bates è secondo tra i 100 più grandi cattivi della storia del cinema. Il Primo è Hannibal Lecter.

http://it.wikipedia.org/wiki/AFI%27s_100_Years…_100_Heroes_and_Villains

Da vedere con: LA MAMMA.

*

THE NIGHT OF THE LIVING DEAD

(LA NOTTE DEI MORTI VIVENTI) (1968)

Un giovane cineasta ventottenne George A. Romero da inizio a quello che sarà uno dei più longevi filoni horror nella storia del cinema (e della sua carriera).

Zombie come metafora sociologica della società. La cosa più spaventosa del film è che la metafora vale ancora oggi.

Da vedere con: AMICI AMANTI DEL GENERE E INTELLETTUALOIDI.

|||Halloween Countdonw||| Pt.2

26 ottobre 2011

PROFONDO ROSSO (1975)

Assassino senza volto, riflessi, scale, bambole, testimoni oculari che si improvvisano detective, armi affilate e violenza efferata.

La ricetta perfetta di Argento è fatta. Romero ne girerà il remake 3D il prossimo anno…forse uno dei suoi amati zombie gli ha mangiato le cervella?

Da vedere: SOLI, POSSIBILMENTE IN PIENA NOTTE A FINESTRE SBARRATE.

*

THE TEXAS CHAINSAW MASSACRE

(NON APRITE QUELLA PORTA) (1974)

Prima apparizione dell’amico antropofago Letherface e della sua bella famigliola.

Il primo quarto d’ora sembra un documentario su hyppie, fattoni in un furgoncino Volkswagen che si ammazzano di canne. Poi cambia tutto.

Primo slashermovie-teen della storia, Tobe Hooper lancerà una moda.

Da guardare con: UN SACCO DI AMICI.

|||Halloween Countdonw||| Pt.1

25 ottobre 2011

Halloween si avvicina tanto quanto le giornate si accorciano e il freddo si fa pungente.

E’ buona tradizione aspettare la notte dei morti viventi sotto il piumino godendosi qualche brivido in più guardando film dell’orrore, magari edulcorati da una busta di caramelle o dalla prima tazza di cioccolata calda.

Per fare in modo che voi possiate arrivare al 31 preparati, io e la miglior cinefila in circolazione Micol, abbiamo deciso di facilitarvi il compito sfornando un po’ di recensioni in formato countdown.

Ecco qui i primi consigli…

A NIGHTMARE ON ELM STREET

(NIGHTMARE DAL PROFONDO DELLA NOTTE) (1984)

Cappello in testa, trucco pesante da bruciato vivo, maglione a righe e guanto con rasoi: nasce Freddy Krueger.

Primo film in cui appare Johnny Depp.

Nel 2010 è stato fatto un remake dove per la prima volta nel panni di Freddy non vi è l’attore Robert Englund (volto del cattivone per quasi 30 anni).

Da vedere: SOLI PRIMA DI ANDARE A DORMIRE.

 

SAW

(L’ENIGMISTA) (2004)

Low Budget. Attori semi-sconosciuti. Tutto in una stanza.

Finale capolavoro.

Il film da vita a un fenomeno e ad una nuova definizione di genere: il torture porn (l’anno dopo uscirà Hostel).

L’unico difetto della pellicola sono tutti i sequel da lì in poi (come nella maggior parte dei film horror).

Da vedere con: QUALCUNO CHE NON VI STA TANTO SIMPATICO.

||Silence Please||

21 ottobre 2011

A volte il rumore mi piace.

Da sempre, nel casino più totale riesco a trivare la dimensione ideale in cui estraniarmi da tutto e da tutti.

Nel silnezio, invece, sento gridare troppo forte i pensieri che si fanno a pugni per prevalere l’uno sull’altro in una lotta che sa di confusione.

Bloody |||| Television

20 ottobre 2011

Ingestione forzata di suoni che sanno di parole.

Non ti sento.

Ascolto, forse.

Ma non ti credo.

Ti ignoro, meglio.

Mind shelves

13 ottobre 2011

Come in un supermercato dagli scaffali zeppi, seleziono con attenzione i miei propositi.

Buoni e inattaccabili.

Disegno di un progetto articolato che vaga nella mente, corro all’inseguimento del capo di quel filo al quale si collega tutto il pensiero.

Le variazioni sul tema me le concedo.

Ma per ora non mi siedo al banchetto, prendo il tutto e surgelo.

Useless Plastic Toy

11 ottobre 2011

31 Degrees ||| Autumn

30 settembre 2011

 

 

Camera: Lomo LC-A Film: Fuji Velvia 100Iso

 

 

 

Nicholas Kirkwood ||| I’m in love

26 settembre 2011

Settimana della moda milanese, finalmente è passata.

Gioia.

Alla fine, scovo queste e capitolo d’amore.

 Nicholas Kirkwood bravone!

I stole your photographs.

21 settembre 2011

Ci sono le foto che fai, testimoni di mometi d’innamoramento che hai la fortuna di scattare.

E poi ci sono quelle degli altri, quelle che avresti voluto scattare tu, perchè quel momento sembra magico.

Questo è quello che è successo con queste foto, scattate da un’amica durante un viaggio a Lisbona in primavera.

Incantata.

“Tutti i muri che la gente di Lisbona vede tutti i giorni, tutte le strade su cui camminano, e tutti i negozi in cui si recano, mi hanno lasciato un’ottima impressione.”

“Ad Alfama, la parte più antica della città, ho apprezzato le meravigliose stradine e i gradini neri.”

“L’aria che si respira è diversa, è un miscela tra vivere una vita tranquilla e un amore antico.

Non so come descriverla meglio di così, ma la vista di Lisbona è sicuramente qualcosa di magico.”

“Mi ha davvero colpita la bellezza di ogni elemento tipografico.

Mi sono innamorata di ogni cartello, insegna al neon e graffito che ho visto mentre passeggiavo nelle strade.”

“Niente è troppo grande, troppo appariscente, o solo “troppo”.

E’ come se ogni cosa fosse coperta da una delicata, timida bellezza.”

Grazie di cuore Alice.

Bubble ||| Trincea

19 settembre 2011

Mi sto preparando.

Addestramento orientato al superamento di ostacoli imprevisti.

Mi piace credere di non averne il controllo, e mi piace credere che l’addestramento inizi ora.

E’ una vita che ti aspetto barricata dietro ad una trincea.

Sono pronta a sorprenderti, sorprenderò anche me stessa.

Metronomy ||| Music Mood

15 settembre 2011

Zurich ||| Indoor

15 settembre 2011

Feticci per gli occhi.

Anfratti, tane, rifugi di gente di cui non conosco il nome.

I richiamo è forte, cattura l’occhio ogni dettaglio che ne sveli la personalità.

Come sfiorae sconosciuti, quando si è troppo stertti nel vagone della metro.

Dura un attimo, il tempo di un click.

Sposto lo sgardo dallo spiraglio da cui ho spiato, un battito di palpebre.

Chiudo la porta.

Addio.

Peaceful days

13 settembre 2011

Croatian BBQ

6 settembre 2011


L’azzurro di un mare limpido che sa di purezza.

Un tenue color arancio che sa di bruciato, di sole che scotta.

Mezzogiorno non da’ tregua, cerchi rifugio sotto l’ombra tiepida.

Le correnti dell’acqua cambiano repentine, quasi a farsi beffa di te.

La piccola baia dove c’eravamo solo noi e la barca ci aspettava per riportarci a riva.

Se chiudo gli occhi vedo ancora il dirupo che matteva vertigini.

Ma sotto di me ora il cemento.

Ghost ||| Ghostbuster

6 settembre 2011

 

Kilimangiaro \\\ Surfeit

3 settembre 2011

Slovenian Fog

2 settembre 2011



5.00 AM

Deep in Black&White

1 settembre 2011

Il dubbio spazzato via dall’acquazzone mattutino.

  Un filo di aria fresco mi sfiora dietro il collo, è un brivido.

Come fa malinconia guardare le foto in bianco e nero.

M’inchino e ti saluto dolce estate.

PH. Matteo Arnone

Foto scattate con Zorki (I)
KMZ (Krasnogorsk Mekanicheski Zavod)
(1948)
La KMZ inizia a produrre fotocamere a soffietto, tipo Super Ikonta, nel 1946.

Nel 1948 viene avviata la produzione delle più richieste fotocamere a telemetro con la collaborazione della FED e gli apparecchi prodotti nel primo anno portano il doppio nome FED e Zorki.

La prima Zorki quindi è una copia fedele della FED (ogni parte delle due fotocamere è intercambiabile) e quindi copia della Leica II, ma ad ogni modo, indubbiamente bellissima.

Sun ||| Dance

29 agosto 2011

Li vedi?

Sono piccoli e lontani, quasi si confondono con l’orizzonte.

Eppure, io, in questa foto non riesco a vedere altro che loro.

Calamite per gli occhi.

Così piccoli che non fanno altro che rapire l’attenzione, e io curiosa capto il loro istante.

Infinita tenerezza di un attimo di solitudine, e il silenzio.

Danza costante dettata da un ritmo eterno.

Sri Lanka ||| Serendipity

29 agosto 2011

Fu così che, davanti ad un piatto di Pol Sambol in un ristorante cingalese di Milano, presi una delle guide nella libreria alle mie spalle e in un lampo non ebbi più dubbi su quale sarebbe stata la mia meta.

Ricordi random s’inseguono mentre altri giocano a nascondino.

Alcuni affiorano, altri già forse persi.

Tutte le foto potete vederle cliccando qui
Sri Lanka.

Lacrima d’India.

Serendipity.

Questo termine vide i natali con la scoperta di quest’isola, più precisamente grazie agli arabi, che la soprannominarono “Serendib” per indicarne la piacevole scoperta del tutto in aspettata.

Niente di più vero.

Ps. Un grazie di cuore va a Matte, mio fantastico compagno di viaggio e per i suoi click.

Milan VS Pigeons

17 agosto 2011

It’s supposed to be Summer

12 agosto 2011

 
                              Tutte le foto potete vederle cliccando qui

Silence||Voices

11 agosto 2011

Quiete.
Ricorrono, come ogni estate, le voci indefinite e chiassose nella cornice di un cortile, e i suoni di tv s’intrencciano fondendosi in dialoghi insensati.

La corrente passa rinfrescando un’estate che sembra non aver più bisogno di lei.

20110811-093354.jpg

Bite|||Eat|||Smile: Capra e Cavoli

11 agosto 2011

Lo si scova nel cuore del quartiere Isola, dove ha preso il posto dell’Ex Circolo Sassetti, eccolo, un grazioso bio bar specializzato in cucina vegetariana dove scoprire piatti genuini che spaziano dal tradizionale mediterraneo all’etnico.

Per tutti coloro che amano mangiare bene e fresco, e sono alla costante ricerca di sapori e atmosfere nuove, allora una tappa da Capra e Cavoli non può mancare.

Pareti fitte di libri, i cui pochi angoli liberi sono adorni di immagini dal gusto francese, conquista con una cucina che non lascia dubbi circa la sua naturalità, infatti, è religioso il rispetto della stagionalità degli ingredienti ed anche la cottura e i condimenti sono dichiaratamente di dottrina vegana.

Tortino di riso venere con pollo allo zenzero 

Cous cous con tortino di patate, zucca e zucchine

1.05

7 agosto 2011

20110807-013530.jpg

20110807-014039.jpg

Conto le crepe di un animo fragile.
Stringo il nodo più forte, impossibile è la fuga.

Where.I.Am

5 agosto 2011

Non so dove sono, ma sento che sto andando nella direzione giusta.

Old style fanatic

31 luglio 2011

Ci sono cose, che con il loro aspetto, innamorano allo sguardo.
Luoghi dove il tempo sembra essersi fermato, tradizioni che paiono immutate o semplicemente oggetti che non hanno ceduto all’avanzare delle stagioni sottraendosi alla richiesta di adattarsi al nuovo.
Non conta l’aspetto del mezzo, ma quello che viene svelato. È paradossale ma ció che rimane immutato perchè disinteressato alle costrizioni dell’adeguamento si carica di valori, ed il puro bello diventa fascino.

20110731-011030.jpg

20110731-011009.jpg

20110731-011047.jpg

20110731-020103.jpg

Camera con vista

31 luglio 2011

E nel silenzio, solo il mare.

20110731-125606.jpg

Ecco

14 luglio 2011

Ammettiamo di esserci sbagliati.

Joekievitt ||| Ipnotic

8 luglio 2011

Linee nette che s’incastrano.

Nessuna piega o sbavatura.

Non è il dettaglio a rapire l’occhio ad incastrare lo sguardo, ma la costante e puntale ripetizione dei ritmi.

Mi sciolgo nell’ipnosi.

http://www.joekievitt.com/

Bite|||Eat|||Smile ::: G

7 luglio 2011

Addenta, magia e sorridi.

Questa volta il titolo è forse più azzeccato che mai, ma con l’aggiunta di un piccolo ingrediente, una spolverata di argomenti “piccanti”.

Ma andiamo per ordine.

Per qualche anno abbiamo condiviso i pasti attorno ad un tavolo rotondo, e la suddivisione dei compiti vedeva me “cuoca” e “lei” addetta ai piatti perchè la rilassava, perfetto.

“Lei” è Giulia-ma fraise-Renad.

Ricordo ancora come recitava l’annuncio letto su internet ormai più di tre anni fa.

G e Samurai, il dispettoso gatto siamese che mi ha regalato notti insonni, cercavano una coinquilina.

Poi, al primo incontro, è stato amore a prima vista.

Amate, poi un po’ tradite, ma un filo leggero fatto di un affetto infinito continua a legarci nonostante quel tavolo bianco e tondo ora non lo dividiamo più.

Tornando al presente, ieri sera ci siamo incontrate a cena, dopo un bel po’ di tempo, con sacchi di cose da narrare e racconti da snocciolare.

G, è sempre stata un’ottimo segugio da cucina, e tra l’altro credo sia stata lei ad insinuarmi il seme di questa passione a Milano, dandomi sempre consigli azzeccati, e ieri ha fatto di nuovo centro.

Osteria al 9, si chiama, e si trova in zona Isola.

Piccolo, carino e con solo una manciata di palme ti fa sentire fuori dalla città.

Ah, ricordatevi di prenotare!

http://www.osterialnove.com/

Korean|||Workroom

6 luglio 2011

Gente che dalla Korea di grafica ne sa a pacchi.
http://workroom.kr/

Sri Lanka|||Calling

5 luglio 2011

Come chiunque, una volta acquistato il volo che per qualche giorno ti porterà lontano dal solito tran-tran, cerco di documentarmi il più possibile su ciò che mi aspetta.

Quindi, m’immergo nella lettura di guide, ricerche spasmodiche su internet, giri a vuoto tra forum e recensioni varie.

Insomma, gira e rigira quello che ti dà più soddisfazioni e un’ immagine veritiera della realtà restano le foto.

Mi sono aggirata tra le immagini (con tag Sri Lanka) sul sito di Lomography, ho trovato foto scattate da persone di tutto il mondo con le loro macchine analogiche (il che è sinonimo di verità) e non ho avuto che la certezza di aver scelto la meta giusta!

Bite||Eat||Smile: diViolediLiquirizia

4 luglio 2011

La mia innata indole da segugio coltivata in anni di vita tra aperta campagna e giochi immaginari, si è tramutata, in parallelo al radicarsi di radici metropolitane, in una sfida con me stessa e con la città.

Quello che amo, e che trovo incredibilmente stimolante in una grande città, sono le sue piccole potenzialità nascoste.

Adoro il cibo, i fiori e il mare sopra ogni cosa.

Appurato che, il mare a Milano non appare nemmeno dipinto e che i fiori crescono se coltivati (anzi recisi) dal fioraio, quel che mi resta è darmi alla forchetta.

In verità, non mangio tanto per mangiare, per me uscire a cena, e trovare il posto perfetto è un gioco magico.

Se riesco a trovare il posto giusto, quello che perfettamente si sposa con il mio stato d’animo, ed il palato si trova a volteggiare con i pensieri, “bingo”, è fatta.

Se per esempio, un mattino ti svegli e sei po’ giù, conosco un posto che potrebbe risolverti la giornata.

Si trova in Brera, sforna dolci da favola (la loro specialità sono i cupcakes, ma offrono anche favolosi macarons) e ha un piccolo dehors che affaccia su via della Madonnina (del tutto simile a quello che mia mamma ha creato in campagna, e come non sentirsi a casa così??!) fatto di oggetti e ornato di fiori.

Su sedie bianche in ferro battuto ti troverai a raddrizzare la tua giornata sorseggiando caffè da tazze ricamate di frasi celebri di romanzi di William Shakespeare o Emily Brontë.

Di Viole di Liquirizia

Hurts

30 giugno 2011

Corona di spine stritola cuore.
Dolore.
Scossa che parte da un battito, attraversa l’arto.
Paralizzato.

World||||Wave

29 giugno 2011

Matthew Cusick

Lovers go Bizarre|||Like a Sea Wolf

29 giugno 2011

Aggiornamento tardivo da una mente otturata dai pensieri.

Adoro, comunque, dedicare il tempo in cui mi spengo a ricordare quello che lì, quando è successo, mi ha reso felice.

Così, come qualche domenica fa, quando con le Lovers, abbiamo concretizzato nel modo più inebriante i pensieri bizzarri partoriti in tanti mesi.

Tra bolle di sapone, sabbia d’orata, secchielli e palette volanti si respirava quasi per davvero il profumo del mare nell’angolo nascosto di una soleggiata Milano…

In da fake room

28 giugno 2011
tags: , , ,

Stelle

26 giugno 2011

Si potrebbero contar le stelle una ad una.
Strizzando un occhio per vedere meglio e puntando il dito per non sbagliare.

Dancing under water

26 giugno 2011

20110626-043834.jpg

20110626-043906.jpg

20110626-044338.jpg

20110626-044344.jpg

Carta||\Pietra||/Forbice

24 giugno 2011

Slegare le forme dai colori

Inchiodare le parole ai pensieri

Ipnosi davanti a bagliori di luce

Labili certezze

Dubbi come sassi

Non puoi che lasciarti abbandonare nelle acque placide del destino, forzando, a sprazzi il timone

Come il soffio di un fiato su una grande vela

Impossibili manovre, deboli le forze

Ma il cuore, quello, batte sempre a mille

Colonna sonora incessante di ogni viaggio

Golosità Analogiche

13 giugno 2011

Essen | A Taste Magazine

L’unica testata online dedicata al gusto all’estetica e allo stile del cibo.

E’ il primo magazine worldwide a concepire il food in modo trasversale attraverso interviste e approfondimenti. Tra i tanti contenuti, ce n’è uno speciale, che mi piace tanto e si chiama Fashion Food. La ricetta è facile, prendi un fotografo dagli una macchina fotografica analogica e trova uno spunto culinario. Impasta bene il tutto, inforna ed il gioco è fatto.

Questo è il primo dolcissimo risultato, fatto di atmosfere bucoliche, crostatine alla ricotta e colori che scaldano.

Ecco alcune foto…

Tutte le foto e l’intervista a Elisa Magnini potete vederle qui

E qui, invece l’articolo su ESSEN e la ricetta delle crostatine alla ricotta!

Enjoy!

Enjoy|||Joy

10 giugno 2011

Good time in Copen||heaven

10 giugno 2011

 

Accarezzo il ricordo al miele e cannella.

Gioco coi suoni che si rincorrono nella mente.

Sospiro sentendo ancora il calore del sole alle quattro del mattino.

Siamo emozioni e ricordi.

Foto scattate con LOMO LC-A pellicola Lomography 400iso e X-Pro

A special \||Love(rs) for breakfast||\

7 giugno 2011

LOVERS GO BIZARRE – Like a Sea Wolf

Domenica 19 giugno le Lovers butteranno le ancore al Bitte, trasformato per l’occasione in un oasi marittima popolata da lupi di mare e “bellezze al bagno”.
Torna LOVERS GO BIZARRE in versione estiva, un bazaar bizzarro e una spiaggia dove godersi il solleone bevendo una limonata fresca e concedersi il brunch domenicale adagiati sui materassini.
Da mezzogiorno fino a tardi la musica dal vivo, che… andrà da band anni ’30 al dj set più spesso, rinfrescherà e coccolerà chi vuole scappare dal cemento, pur restando in città.

Summer Kiosks:
Alessia Serratore ° Bottegadimaki ° Chiacchi ° Cose a tre ° Daniele M ° Deja Boo ° Eat Studio ° Elisa Grinta ° Ellis Palmi ° Eva ° Harazu ° I love Bla ° Individuals ° Funky Mamas ° La zia Epi ° Love for breakfast ° Lovers.events ° Maison Dubosk ° Marlene Disposito ° Officina mille cose ° Nicoletta Fasani ° Pixel Lady Vintage ° Private Circle ° Rose Bite Loves ° Shop in London ° Valentina ° Pink Supreme ° Hazer and more…

Sparkling Music with:
Menage a Troi
Attention Slap
Le petite Orchestra
+
Mermaids and sailors dj sets

Domenica 19 giugno
dalle 12,00 fino a tardi
ingresso gratuito
@BITTE

Ł♡V

A beloved Copenhagen.

6 giugno 2011

L’inatteso.

Musica dalle sonarità che catturano e accompagnano di consolle in consolle, volteggiando da uno stand all’altro come in un tango che ti prende per mano detta il tempo del ballo.

I passi della danza di Andi, tanto strani da strapparci risate sempre nuove.

Il barbecue in terrazza scaldati da quel sole che sembra non tramontare mai.

Le finestre di casa di Andi quelle all’ultimo piano, dove adoravamo sederci ed osservare i movimenti di una città sconosciuta.

Le cene a base di falafel, e lo stupore nello scoprire gli atteggiamenti di una diversa cultura.

La canzone, che una volta sentita, dalle orecchie è arrivata dritta ai cuori, diventando un ipnotico ritornello e colonna sonora di una piccola vacanza che non scorderemo mai.


♡ FRA - ELI - CLARA - ANDI ♡

Copen.heaven

2 giugno 2011

20110602-012629.jpg20110602-012635.jpg

20110602-012655.jpg

20110602-012700.jpg

Red lines

2 giugno 2011

Se fosse pioggia sarebbe color porpora.
Ma sono lacrime e sono amare.

||Mercado Central||Valencia||

31 maggio 2011

Il freddo acciaio | La luce calda

Le rotondità degli archi | La geometria dei pavimenti

Il profumo dolce della frutta | L’odore penetrante del jamon serrano

Piedi che scivolano sul suolo umido a nord | sentirli aderire saldi a sud

Perdersi in uno dei luoghi più magici di una città, per scoprire come dal buco della serratura l’identità di un popolo.

Il Mercado Central di Valencia è un insieme di odori, colori e movimento. 959 banchi che offrono il meglio dei prodotti freschi valenciani. Appare per la sua architettura come una Cattedrale del Commercio dove l’acciaio della struttura si fonde con le luminose ceramiche colorate e le ampie vetrate. Lo stile modernista si riflette, oltre che nell’uso di questi materiali, nei richiami al gotico delle cupole e dei tetti spioventi. All’esterno, sopra il tetto vi è una statua raffigurante un uccello verde. Narra la leggenda che un tempo, i padri di famiglia dei villaggi poveri dell’ Aragon, portassero a Valencia i figli che non riuscivano a sfamare e dicendo loro “guarda quell’uccello strano” sparivano tra la folla quando i figli alzavano lo sguardo. Così, rimasti orfani avrebbero poi trovato lavoro come facchini o operai nel mercato.

Malvarosa beach

29 maggio 2011

20110529-085316.jpg

20110529-085335.jpg

20110529-085350.jpg

20110529-085404.jpg

20110529-085416.jpg

20110529-085541.jpg

Cherries & Parrot in Valencia

29 maggio 2011

20110529-105322.jpg

20110529-105349.jpg

20110529-105357.jpg

20110529-105403.jpg

20110529-105446.jpg

Alabama\||/Parco Sempione

27 maggio 2011

Fun in the park.

Foto scattate con LOMO LC-A pellicola IlFord FP4 B&W

Forgotten.

25 maggio 2011

Il forte profumo di antico che sa di abbandono.

La luce di un cielo che porta la pioggia.

Il suono tonfo di uccelli che cercano rifugio nel sottotetto.

Legno che scricchiola ad ogni passo.

Sgaurdi di bambole senza vesti.

Fascino e brividi per luoghi che il destino ha permesso di scovare…

Foto scattate con LOMO LC-A